Bassissimi rilievi, 2013

Show More

Tra quanto uscito dalla mia esplorazione del bianco iniziata nel 2012 la serie dei "Bassissimi rilievi" è senz'altro la più recente.

 

Agli inizi del 2013 riportai il concetto di "Dancing" su carta e subito si mostrò stringente il desiderio di articolare maggiormente le impronte che andavo a nascondere nel bianco.

 

Il pensiero sottostante alla modularità caratteristica delle mie sculture degli anni '90 soffriva, infatti, della articolazione minima (just one shot) di "Dancing".

 

L'avere tra le mani la carta e questo desiderio di strada diversa da percorrere ha fatto sì che i ferri,  da sopra la carta per lasciare la loro impronta col bianco, passassero sotto la stessa per modellarla.

 

Nessun apporto di altro, quindi, se non la carta stessa che si piega sotto le mie mani somiglianti alle mani di un cieco che, a tentoni, cerca di leggere la forma che ha sotto di esse.

 

Lavori tridimensionali, quindi, reali (minimo rilievo percepibile della carta) e illusori (la ripetizione di parte della forma), comunque impalpabili ed esposti ai capricci della luce.

Among what came out of my exploration of white began in 2012, the series of "Very low reliefs" is certainly the most recent.

 

At the beginning of 2013 I reported the concept of "Dancing" on paper and immediately showed compelling desire to articulate more footprints that ! went to hide in the white.

 

The thinking behind the modular feature of my sculptures of the '90's suffered, in fact, the minimum articulation  (just one shot) of "Dancing."

 

Having in my hands the paper and this desire of a different road ahead meant that the steel shapes, over the paper to leave their mark with the white, would pass under the same to mold it.

 

No contribution of anything else, then, but the paper itself that bends under my hands resembling the hands of a blind man, groping, trying to read the form that has under them.

 

Three-dimensional works, then, real (minimum perceptible relief of the card) and illusory (the repetition of the form), however ethereal and exposed to the whims of light.