Equilibrii, 2005

rocche di filo e ferro 2.JPG
rocche di filo e ferro 2.JPG
press to zoom
rocche di filo e ferro 1.JPG
rocche di filo e ferro 1.JPG
press to zoom
rocche di fili e ferro 3.JPG
rocche di fili e ferro 3.JPG
press to zoom
particolare rocche di filo e ferro.JPG
particolare rocche di filo e ferro.JPG
press to zoom
rochhe di filo e ferro8.JPG
rochhe di filo e ferro8.JPG
press to zoom
particolare rocche di filo e ferro 5.JPG
particolare rocche di filo e ferro 5.JPG
press to zoom
particolare rocche di filo e ferro 4.JPG
particolare rocche di filo e ferro 4.JPG
press to zoom
particolare rocche di filo e ferro 3.JPG
particolare rocche di filo e ferro 3.JPG
press to zoom
rocche di filo e ferro - Oscar Accorsi.JPG
rocche di filo e ferro - Oscar Accorsi.JPG
press to zoom

rocche di filo e ferro

Il semplice atto di impilare le rocche, fa si che i filati si mostrino con potenza volumetrica e intensità cromatica insolita e rara. Ordinare rocche, in gran numero, accostate a materiali che sembrano parlare di altri mondi, di elettricità, di meccanica, pone questa dinamica struttura in una visione percettiva nuova. Il pattern “totemico” ottenuto (alto rispetto al modulo che lo forma), il suo stentoreo innalzarsi in equilibrio ed il suo ordinato ritmarsi quasi architettonico non possono che influenzare e vincere lo spazio circostante.

bobbins of yarn and steel

The simple act of stacking the bobbins means that the yarns are displayed with an unusual and rare volumetric power and chromatic intensity.  By arranging a large number of bobbins alongside materials which seem to speak of other worlds, of electricity and mechanics, this dynamic structure is presented within a perceptive vision that influences and wins over the surrounding area.

 

Palazzo Pitti - Firenze (I)